3 motivi validi per usare saponi solidi e quali scegliere

3 motivi validi per usare saponi solidi e quali scegliere

I saponi solidi hanno avuto un vero e proprio boom negli ultimi due anni.
Ricordo quando da bambina andavo a casa della nonna e nel suo bagno non mancava mai la saponetta accanto al lavandino insieme a una scorta ricca di saponi ricoperti in involucri di carta coloratissimi e profumatissimi.
Sarà quel merito del perfetto mix tra passato e futuro ad scatenato il boom?
Indubbiamente, questo tocco vintage non può che aver giovato alla loro ribalta, ma le ragioni dietro questo successo sono ben altre e molto più importanti.
Noi ve ne elenchiamo 3, ma vi invitiamo a trovarne altre.
  1. Prima di tutto, il sapone solido è completamente a IMPATTO ZERO! Non ha una confezione di plastica, infatti il packaging è di solito costituito da carta riciclata e riciclabile, in ogni caso ridotto al minimo. Sempre riguardo l’impatto ambientale, il sapone solido è 100% naturale, quindi non contiene ingredienti dannosi per noi o per l’ambiente.
  2. Secondo, è facile da trasportare. È innegabile, è capitato a tutti fare le corse all’ultimo minuto per procurarsi i formati di flaconcini adatti al trasporto sull’aereo, in modo da portare in viaggio con noi il nostro sapone. Ma poi, invidio sempre un po’ chi ricorda senza dubbio il formato concesso: 100 ml? 150? Mi toccava controllarlo ogni volta. Il sapone solido lo metti in valigia senza pensarci due volte, non c’è bisogno di controllarne il peso o chissà quale altra caratteristica, lo infili in ogni angolo e stai tranquillə che non si aprirà spargendosi in tutto il bagaglio. E vogliamo parlare di quanto sia comodo portarlo sempre con noi in borsa? Quante volte è capitato di usare un bagno pubblico e non trovare il sapone? A me troppe, e questa sembra essere l’unica soluzione!
  3. Infine, è molto più igienico di ciò che si pensa! In realtà l’erogatore del sapone liquido raccoglie molta più “sporcizia” di quanto sembri: lipidi, zuccheri, germi e virus, oltre alla polvere. Senza considerare che la tipica umidità dell’erogatore lo rende un ideale ambiente di coltura per i germi. Il sapone solido, invece, viene lavato sotto l’acqua corrente ad ogni utilizzo e si asciuga completamente in breve tempo.
Se non bastano queste buone ragioni per preferire il sapone solido a quello liquido, ecco qui una piccola selezione di saponette disponibili sul nostro shop che proprio non dovreste perdervi. Parola di Glivee.

  • Edith Cosmesi propone un set di 2 saponi solidi naturali al latte d’asina, cacao e nocciole con proprietà idratanti, lenitive, nutrienti, emollienti e protettive, adatti a tutti i tipi di pelle, soprattutto quelle secche e sensibili.

  • Tukiki produce un ottimo sapone solido...al vino rosso! Sì, proprio al vino rosso! Ha origine sulle colline toscane, tra vigneti e cantine: è così che nasce un sapone dal colore e dal profumo inebrianti come un bel bicchiere di rosso toscano, ma avvolto in packaging attento all’ambiente, prodotto da scarti di lavorazione del mais e carta riciclata certificata FSC®.

 

  • L’ultima proposta viene da Naiadi, giovane azienda che prende ispirazione dalla mitologia greca. Questo sapone è anche uno scrub (che è spesso un altro vantaggio tipico dei saponi solidi, 2 o più prodotti in un’unica soluzione!) e tra gli ingredienti troverete l’olio di germe di grano, ricco di B-carotene e Vitamina E, con proprietà elasticizzanti ed emollienti. L’effetto scrub è dato dai semi di amaranto e la radice tintoria. Questo sapone solido sarà il perfetto alleato per affrontare la stagione invernale.

Non vi resta che scegliere il più adatto a voi!