Pulizie casalinghe? Alternative sostenibili per una casa luccicante!

Pulizie casalinghe? Alternative sostenibili per una casa luccicante!

Piatti, stoviglie, pavimenti, mobili, vestiti e chi più ne ha più ne metta... Le cose da pulire in casa non mancano mai! E voi, vi siete mai soffermati a pensare agli ingredienti dei detersivi che comunemente utilizzate per le vostre pulizie? Pensate che i detersivi sono tra i prodotti ad uso comune con il maggior impatto ambientale!

DETERSIVI TRADIZIONALI

I detersivi tradizionali, liquidi o in polvere, contengono al loro interno diverse sostanze chimiche che servono a rimuovere lo sporco da un tessuto o una superficie.

Diversi di questi ingredienti chimici hanno un impatto molto negativo sull’ambiente, sia in fase di produzione – dato che gli scarti industriali possono finire nei terreni, penetrando fino alla falda acquifera – che in fase di rilascio, quando finiscono negli scarichi domestici, inquinando quindi fiumi e mari.

In più, le componenti chimiche dei detersivi possono influire anche sulla salute, specialmente sulla salute della pelle, per chi soffre di particolari patologie o allergie, poichè particolarmente aggressivi.

È inoltre arrivato il momento di sfatare un vecchio mito: i detersivi chimici non sono più efficaci contro lo sporco! È ad oggi confermato che anche i detersivi ecologici e naturali possono avere lo stesso effetto pulente e igienizzante di un detersivo “classico”, ma con il vantaggio di non rappresentare una minaccia né per la salute né per l’ambiente! E allora ecco alcune alternative sostenibile per le tue pulizie di casa.

Detersivi ecologici

Innanzitutto, un'alternativa efficace alla "chimica" è fare le pulizie con ingredienti naturali alternativi, seguendo i consigli della nonna, come aceto e bicarbonato: sono validi alleati per le pulizie periodiche, ma possono risultare insufficienti per rimuovere lo sporco ostinato.

È possibile quindi utilizzare detersivi ecologici. Il primo passo è sapere riconoscere un detersivo ecologico e distinguerlo da altri prodotti che possiamo definire “finti eco”.

In un detersivo ecologico troverai, ad esempio:

- Tensioattivi di origine naturale

- Nessun colorante (utilizzato tradizionalmente per pure questioni estetiche)

- Conservanti naturali

- Profumi di origine naturale, come gli olii essenziali

- Nessuno sbiancante ottico (generalmente chimici e non biodegradabili)

- Percarbonato di sodio, anziché sodio perborato

- Formulazione ipoallergenica, per garantire un utilizzo in totale sicurezza per la pelle

Scopri la linea di detersivi ecologici nello shop di Glivee, tutti i prodotti sono naturali e confezionati in packaging riciclato.

Detersivi riutilizzabili

Stanca di gettare il flacone del detersivo dopo averlo utilizzato? Passa ai detersivi ricaricabili e riduci drasticamente il tuo inquinamento casalingo! Ad oggi, ci sono molte alternative sostenibili che permettono di riutilizzare il flacone tramite ricariche liquide e solide. E non è finita qui, queste soluzioni riutilizzabili ti permettono anche di risparmiare, infatti non dovrai ogni volta pagare il packaging del prodotto 

Scopri la nostra linea di detersivi ricaricabili e naturali e riduci drasticamente il tuo inquinamento casalingo.

Infine, oltre a fare molta attenzione al “cosa” acquistare – tenendo a mente che in casa abbiamo generalmente un numero davvero elevato di prodotti per le pulizie, spesso superflui – è importante riflettere sul “come” utilizzarli, dato che anche l’uso dei detergenti può essere più o meno ecologico.

Per citare un esempio, è bene ricordare di utilizzare le giuste dosi di prodotto, così come indicato sull’etichetta: utilizzarne di più sarà solo controproducente, dato che sprecherai più prodotto e non avrai una resa migliore, ottenibile solo seguendo le indicazioni riportate sull’etichetta. O ancora, è sempre preferibile prediligere le soluzioni concentrate, perché occupano meno spazio e richiedono quindi meno packaging, oltre ad essere efficaci in dosi minori.

Avendo quindi capito che l’efficacia di un detersivo non è legata alla quantità di sostanze chimiche contenute, perché non affidarsi quindi alla natura?